Intelligenza mentale vs. intelligenza emotiva

Secondo Ian White, lo scopritore dei Fiori Australiani, i bambini nati a partire dall’inizio del nuovo millennio sono chiamati ad un compito davvero molto importante ma anche decisamente impegnativo: rovesciare le sorti del nostro sempre più bistrattato Pianeta creando un’economia e delle leggi rivoluzionarie che contemplino lo sviluppo e la crescita armoniosa nel rispetto di tutti gli esseri viventi!

Insomma: un mondo dove pace e concordia regnino sovrane e siano i principi fondanti della vita di ognuno.
Praticamente un’utopia se si guarda a come vanno adesso le cose

Per realizzare tutto questo occorre che gli adulti di tutti i continenti mettano da parte i loro egoismi, le paure cieche ed irrazionali, e decidano di preservare e curare con attenzione i piccoli che sono all’inizio della loro avventura su questo Pianeta, affinché possano apprendere tutto ciò che è necessario per sviluppare il loro spirito critico e l’intelligenza che li contraddistingue: non solo quella mentale, che presuppone l’acquisizione di abilità che facilitino l’adattamento all’ambiente in cui vivono, ma anche e soprattutto, quella emotiva che, a mio avviso, è altrettanto o forse ancora più importante di un alto Q.I.: essa include l’autocontrollo, l’entusiasmo, la perseveranza, la capacità di automotivarsi. I bambini sono in grado di apprendere tutte queste capacità e i Fiori Australiani possono rappresentare un valido supporto in questo percorso di crescita emozionale ed intellettuale.

Vediamo adesso quali sono le principali problematiche che può incontrare un bambino, o un ragazzo, durante il proprio percorso scolastico e quali sono i Fiori Australiani che possono venirgli in aiuto.

 

Ansia

L‘ansia è un’emozione molto presente nella nostra società e, purtroppo, nemmeno i bambini ne sono immuni. Questa forma di inquietudine si può manifestare in grado più o meno elevato, e può essere causata da motivazioni differenti ma, in ogni caso, è in grado di pregiudicare la possibilità di ottenere dei buoni risultati, nonostante l’impegno e la buona volontà.

Vediamo adesso quali forme di ansia possono disturbare i bambini e i ragazzi e i relativi Fiori Australiani che possono aiutare a riportare in equilibrio le emozioni corrispondenti.

Può accadere che i più piccoli possano essere vittime dell’ansia anticipatoria , ovvero del disagio, che si manifesta al solo pensiero di dover affrontare un’interrogazione o un compito in classe considerati particolarmente impegnativi. In questo caso consiglio il Fiore Australiano Crowea da abbinarsi, nel caso in cui questo timore diventi talmente forte da provocare anche mal di pancia e crampi allo stomaco, con Dog Rose. Questo fenomeno può verificarsi soprattutto negli individui più timidi, che temono molto il giudizio degli altri e, per questa ragione, non amano per nulla esporsi.

L’energia armonizzatrice di Crowea permette di ritrovare pace e tranquillità e dona equilibrio e centratura su se stessi; Dog Rose regala sicurezza, fiducia in se stessi e il coraggio di affrontare le situazioni che possono fare paura.

Se invece questo pensiero diventa così ossessivo da creare problemi di insonnia e di concentrazione , suggerisco di aggiungere Boronia: il Fiore Australiano che dona quiete alla mente e chiarezza di pensiero.

 

Bassa autostima

Anche i più più piccoli possono soffrire di bassa autostima e questo può diventare un grosso ostacolo nell’affrontare le piccole e grandi sfide della vita e nel dare il meglio di sé quando è necessario superare un ostacolo.

In alcuni casi questa autosvalutazione può essere influenzata da qualcosa che è stato detto dagli inconsapevoli genitori. Ad esempio, una frase come: “Per quanto tu possa impegnarti non sarai mai bravo come tuo fratello”, può diventare una vera e propria profezia, in quanto si imprime nella memoria inconscia e diventa autoboicottante, nonostante il piccolo ci metta tutto il suo impegno per essere bravo e riuscire.

I genitori non lo fanno certamente apposta, o almeno non nella maggioranza dei casi, a proferire frasi così infelici, ma accade più spesso di quanto si possa immaginare. Ora, al di là del ricordare che ognuno è unico ed inimitabile, che se si giudicassero i pesci dalla loro abilità ad arrampicarsi sugli alberi, verrebbero considerati esseri totalmente incapaci, nel caso in cui siano già accaduti episodi del genere, si può cercare di porre rimedio con i Fiori Australiani.

Innanzitutto, in questi casi, consiglio Boab: il rimedio floreale che aiuta a liberarsi da tutti quei retaggi culturali, educativi, energetici che vengono dall’ambiente familiare; se il bambino, in seguito a questi commenti, ha sviluppato una scarsa autostima e un atteggiamento autosabotante più o meno conscio per cui, ad esempio, prende un brutto voto in un’interrogazione su un argomento che conosce bene, aggiungo Five Corners, che dona la capacità di fare emergere una personalità schiacciata, che non ha grande fiducia nelle proprie risorse.

La scarsa autostima si può anche manifestare in soggetti eccessivamente ipercritici con se stessi. in questo caso ci sono due opzioni: o il bambino prova a fare una cosa e, anche se gli è venuta piuttosto bene, è deluso e si rammarica perché pensa che avrebbe potuto farla meglio, oppure non ci prova nemmeno perché pensa che non sarà in grado di svolgere un buon lavoro. In entrambi i casi c’è un blocco che, alla lunga, pregiudica la possibilità di progredire nel cammino della vita, imparando dagli errori e gioendo per le vittorie. Il rimedio che consiglio in caso di autocritica eccessiva è Sturt Desert Rose: il Fiore Australiano che dona coraggio, convinzione, coerenza di pensiero e di azione.

Anche i rapporti con i compagni possono influire sulle capacità di apprendimento e, di conseguenza, sul rendimento scolastico. Alcuni ragazzi, magari un pochino più timidi ed insicuri, per il timore di sentirsi rifiutati, tendono ad autoemarginarsi oppure, al contrario, per essere accettati dal gruppo, fanno di tutto per compiacere e, in alcuni casi, arrivano anche a subire atti di bullismo. Si tratta di individui che hanno bisogno di sentirsi costantemente incoraggiati ed accettati. Queste personalità sanno di possedere delle potenzialità e delle capacità, ma non le mettono a frutto: non sviluppano i loro talenti per timore delle responsabilità che ne deriverebbero, preferiscono rimanere defilati nelle retrovie.

Per questi bambini, oltre al già citato Dog Rose: il Fiore Australiano elettivo per la timidezza, consiglio di aggiungere Illawarra Flame Tree: il Fiore Australiano che dona sicurezza, volontà di impegnarsi, forza interiore, fiducia ed accettazione di sé.

Alcuni bambini tendono ad avere un atteggiamento vittimistico e pessimistico: “tutti gli insegnanti ce l’hanno con me, lo fanno apposta a farmi le domande a trabocchetto!” e via di questo passo. Ovviamente i persecutori possono essere i compagni, i fratelli, gli allenatori e via discorrendo. Ora: non voglio assolutamente affermare che questo tipo di denunce siano sempre campate in aria, al contrario: in questo caso è compito dei genitori, o chi per essi, sincerarsi sul come stia davvero la situazione e, nel caso di vessazioni reali, procedere senza indugio per farle cessare. Nel caso in cui, però, il bambino lamenti i soprusi di chiunque, siamo davanti ad una personalità che tende al vittimismo. In questo caso consiglio Southern Cross: il Fiore Australiano che attiva il buon umore, regala positività, accresce il proprio potere personale e incentiva il piccolo a farsi carico delle proprie responsabilità.

Un rimedio che io amo particolarmente e che, secondo me, tutti i bambini dovrebbero prendere, almeno per qualche tempo, è Turkey Bush: il Fiore Australiano che favorisce l’ispirazione e l’espressione creativa. Ritengo infatti che imparare una quantità di nozioni sia sì utile, ma dovrebbe costituire la base sulla quale edificare delle competenze che si esprimano in modo originale e creativo e che permettano di immaginare soluzioni che vadano al di là di quanto appreso. In caso contrario i robot, che stanno sempre più sostituendo l’uomo, sono sicuramente da considerarsi più efficaci e performanti. Immaginazione e creatività, che vanno favorite e stimolate, sono le peculiarità che differenziano l’essere umano dalla macchina, e che rendono, a propria volta, ogni individuo unico e inimitabile.

 

Difficoltà di concentrazione

Molte volte può accadere che, nonostante la buona volontà, la difficoltà a concentrarsi, o a mantenere l’attenzione per periodi più o meno lunghi, vada ad influire sul buon rendimento scolastico. Anche in questo caso l’energia dei Fiori Australiani può essere di grande aiuto.

Il primo rimedio che ritengo opportuno consigliare è Bush Fuchsia: il Fiore Australiano che, a mio avviso, è più di supporto nella maggior parte dei problemi di apprendimento. Tra le sue molteplici qualità vi è anche quella di incrementare la capacità di concentrazione per lunghi periodi e di comprensione di un testo o di un argomento di studio.

Jacaranda è invece il Fiore Australiano elettivo per la concentrazione, infatti dona determinazione, lucidità e rapidità di pensiero, focalizzazione su di sé a tutti i bambini e ragazzi che tendono ad essere dispersivi, frettolosi, volubili nei loro interessi e, di conseguenza, incostanti. Ovviamente tutto questo si ripercuote spesso sui risultati scolastici. Si tratta del classico ragazzo i cui genitori, quando vanno a colloquio dagli insegnanti, si sentono dire: “Ha delle buone capacità ma non si impegna abbastanza”, oppure, in alternativa. “Il suo rendimento è oscillante, discontinuo”; in quest’ultimo caso consiglio di abbinare a Jacaranda, Scleranthus: il Fiore di Bach dell’indecisione e dell’alternanza.

Può accadere che, soprattutto nei periodi di sovraccarico di lavoro intellettuale, per esempio durante la preparazione di un’interrogazione o di un esame complessi, la mente, particolarmente affaticata, faccia fatica a concentrarsi e si senta sopraffatta dalla mole di informazioni. In queste occasioni consiglio di abbinare il Fiore Australiano Paw Paw a Bush Fuchsia e a Jacaranda, per creare un mix molto efficace. Paw Paw, infatti, dona calma e chiarezza.

Alcuni ragazzi, per predisposizione di personalità oppure in periodi particolari della crescita quali, ad esempio, l’adolescenza, tendono a rifugiarsi in un mondo tutto loro, fatto di sogni ad occhi aperti e voli pindarici. Va da sé che questa situazione non favorisca affatto la concentrazione e, di conseguenza, il buon rendimento scolastico. Il rimedio elettivo per questo stato d’animo è Sundew: il Fiore Australiano che sostiene l‘attenzione al dettaglio, l’ancoraggio a terra, la concentrazione e l’attaccamento alla realtà. Nel caso in cui si tratti di soggetti di indole sognatrice e particolarmente inclini a dissociarsi dalla realtà, consiglio di aggiungere Red Lily: il Fiore Australiano del radicamento.

 

Difficoltà di apprendimento

Alcuni studenti hanno più difficoltà di altri ad apprendere le nozioni che vengono insegnate a scuola. Non c’è nulla di cui vergognarsi: ognuno nasce con i propri talenti ed è buono e giusto che questi vengano individuati il prima possibile dai genitori e dagli educatori e che ne sia favorita l’espressione precoce.

Anche in questo caso i Fiori Australiani possono essere di grande supporto, in quanto aiutano a superare le difficoltà legate all’apprendimento dei concetti spiegati.

Innanzitutto consiglio il già citato Fiore Australiano Bush Fuchsia che, tra le sue molteplici peculiarità, ha quella di portare in equilibrio l’attività dei due emisferi cerebrali e dunque di bilanciare creatività e logica, ma anche la coordinazione tra corpo e mente, migliorando le prestazioni nelle attività artistiche e sportive. Nel caso in cui la scoordinazione sia un problema particolarmente evidente, consiglio di aggiungere il Fiore di Bach Scleranthus: il rimedio energetico-vibrazionale che dona equilibrio fisico ed emotivo.

Nel caso in cui i problemi di apprendimento siano dovuti ad una cattiva memoria, il Fiore Australiano Isopogon è il rimedio più indicato, tanto che è consigliato anche per coloro i quali abbiano dimenticato delle abilità acquisite in passato come, ad esempio, la conoscenza di una lingua straniera: sicuramente studiare diventa più facile e piacevole se non si deve ogni volta ricominciare dall’inizio del programma! Anche il già citato Jacaranda è molto utile nel facilitare l’apprendimento: è chiaro che non basta passare molto tempo con la testa china sui libri per imparare: se la mente è persa in tutte altre direzioni, si tratta di tempo totalmente sprecato. Il Fiore Australiano Jacaranda facilita la concentrazione e la focalizzazione su ciò che si sta facendo, permettendo di ottimizzare i tempi dedicati ad ogni attività.

In alcuni periodi dell’anno c’è un sovraccarico di materiale da studiare, soprattutto se lo studente, non particolarmente preciso e metodico, ha lasciato indietro qualche materia, di solito quelle che piacciono di meno (nel mio caso era immancabilmente matematica 😅) e, dunque, per recuperare il tempo perso in vista dell’ultima interrogazione del quadrimestre, o dell’anno, si trova a dover affrontare una full immersion estenuante, che lo lascia sopraffatto e, spesso, ancora più confuso. In questo caso, oltre ovviamente a consigliare di studiare con metodo e regolarità, consiglio di abbinare Paw Paw ai rimedi precedenti: questo Fiore Australiano aiuta infatti a “digerire” e ad assimilare le informazioni, allentando anche la tensione emotiva accumulata.

Un altro potenziale nemico della buona resa scolastica è l’impazienza che è abbastanza comune nei bambini: hanno difficoltà a stare fermi, a concentrarsi su ciò che stanno facendo, perché la loro mente è proiettata in avanti, su ciò che di più divertente si potrà fare una volta portati a termine i compiti. Il Fiore Australiano che aiuta a rallentare, a calmarsi, ad essere più introspettivi, è Black-eyed Susan che spesso consiglio in sinergia con il Fiore di Bach Impatiens che, come dice il nome medesimo, è molto utile per tutti i soggetti che si fanno dominare dall’impazienza.

Anche essere molto svagati, perennemente “con la testa tra le nuvole”, può non essere molto produttivo a livello scolastico. In questo caso consiglio i già citati Fiori Australiani Sundew e Red Lily, che favoriscono l’attenzione, la concentrazione e il radicamento nel presente.

Di qualsiasi genere ed intensità sia la difficoltà di apprendimento, suggerisco sempre di aggiungere ai rimedi sopracitati, Chestnut Bud: il Fiore di Bach elettivo per l’apprendimento, quello che permette di non ripetere gli errori commessi nel passato ma di fare buon uso dell’esperienza.

 

Difficoltà di espressione

Molti ragazzi, soprattutto quelli più sensibili e timidi, anche se sono studiosi e preparati, hanno difficoltà ad esprimersi al meglio. Questo, oltre che sul rendimento scolastico, va ad influire anche sull’autostima personale, minandone la fiducia in se stessi.

In questi casi consiglio sicuramente Bush Fuchsia che, tra i sui molteplici doni, ha anche quelli di favorire la fiducia nel proprio intuito, di agevolare la padronanza linguistica e di mitigare l’agitazione che arriva quando si deve parlare in pubblico. Insieme a Crowea, che aiuta a tenere a bada l’ansia e a Five Corners, che sostiene l’autostima, crea un mix davvero efficace. Nel caso in cui si tenda ad urlare, a non tenere in considerazione il gradimento di chi ascolta, consiglio di aggiungere Flannel Flower: il Fiore Australiano che permette di rapportarsi al prossimo con gentilezza e sensibilità.

Per chi invece vive l’interrogazione come un momento di grande tensione emotiva, tanto da avvertire una sorta di difficoltà ad aprire correttamente la bocca e pronunciare in modo adeguato, consiglio Red Grevillea: il Fiore Australiano che dona la capacità di non farsi condizionare dal giudizio altrui e il coraggio e la sicurezza di esprimere ciò che si ritiene corretto ed appropriato.

A volte le difficoltà di espressione possono nascere dalla difficoltà ad accettare il confronto, per cui il bambino preferisce parlare il meno possibile per non esporsi e sentirsi giudicato. Tall Mulla Mulla è il Fiore Australiano che può essere di aiuto in questa situazione: la sua energia aiuta infatti a sentirsi rilassati e sicuri insieme agli altri, favorendo l’interazione sociale e la discussione costruttiva.

 

Ogni bambino ha un talento, che lo rende unico e inimitabile. Non esistono talenti di serie A o di serie B: tutti sono altrettanto preziosi.

L’importante è che vengano riconosciuti, coltivati e valorizzati, per crescere insieme al cucciolo d’uomo che li possiede.

Incoraggiate i vostri figli ad esprimere loro stessi, con orgoglio e senza timore del giudizio: così diventeranno adulti consapevoli e sicuri.

Per aiutare i vostri ragazzi a scoprire i propri talenti, consiglio il Fiore Australiano Jacaranda, che aiuta a focalizzarsi su di sé e dona determinazione e lucidità di pensiero, da abbinare al rimedio Silver Princess, che facilita l’acquisizione della consapevolezza delle proprie potenzialità e talenti e rende chiari la motivazione, la direzione e lo scopo della vita. A questa miscela trovo che sia perfetto aggiungere Wild Oat: il Fiore di Bach elettivo per scoprire, e seguire, la propria vocazione personale.

Per coloro che, non essendo molto sicuri di sé, chiedono continuamente pareri e consigli agli amici e ai compagni, rischiando, in questo modo, di farsi influenzare e fuorviare dai propri obiettivi, suggerisco di aggiungere Cerato: il Fiore di Bach che dona la capacità di seguire con fiducia la propria voce interiore. (Se ti ho incuriosito e vuoi saperne di più sulle varie personalità dei bambini e vuoi sapere come i Fiori di Bach possono essere di aiuto nelle differenti situazioni, vai alla sezione “Consulenze” e clicca su “Bambini e Fiori di Bach”).

 

Queste informazioni sono esempi per le condizioni più comuni, è sempre preferibile un percorso di consulenza per Fiori Australiani e Fiori di Bach, per capire ogni singola situazione e poter mettere a punto la migliore miscela personalizzata per il bambino.

 

 

Fonti:

  • Daniel Goleman. Intelligenza emotiva. Ed. Best Bur
  • Barbara Espeche, Eduard H. Grecco, Raul Perez. Esencias Florales Australianas – Sistema Unicista Bush. Ediciones Continente
  • Ian White. Bambini sani e felici. Edizioni tecniche Nuove
  • Appunti del corso monografico “Fiori Australiani” della Scuola di Naturopatia “La Via della Natura”, tenuto dalla docente Cinzia Durandetto
  • Appunti del corso monografico “Happy Healthy Kids” di Ian White

Immagini

  • School vector created by upklyak – Freepik.com

Strumenti di condivisione
WhatsApp chat
error: Attenzione: I contenuti sono protetti e di proprietà di Emotionalmente.com